La rilevanza dei beni differenziati

Come sviluppare un piano di Digital Marketing di successo
6 Maggio 2021
Economia circolare e finanza agevolata
6 Maggio 2021

L’analisi della domanda mondiale di tre tipologie di prodotti condotta dalla ‎Economist & Data Scientist Gloria Zambelli e riportata nell’articolo Congiuntura economica post-pandemica: prospettive del commercio internazionale dimostra la rilevanza della domanda dei beni differenziati

I prodotti differenziati presentano particolarità individuali che li rendono unici, pur avendo caratteristiche simili ad altri beni. Esempi di prodotti differenziati sono i capi d’abbigliamento o le automobili.

Per spiegare la domanda per i prodotti differenziati vi sono due approcci: l’amore per la varietà e la varietà ideale. Con amore per la varietà si intende la tendenza dei consumatori a prediligere mercati che offrono maggiore varietà della stessa tipologia di bene. Di conseguenza, il mercato aggregato sosterrà la domanda di molte varietà di beni contemporaneamente. La varietà ideale corrisponde alle preferenze di ogni consumatore che, tra una vasta gamma di beni simili, sceglierà quello più vicino ai propri gusti. Secondo questo approccio, il mercato sosterrà più imprese che forniscono prodotti simili.

Prendendo in esame il settore moda, si osserva che a partire dalla Grande Recessione del 2008 la domanda mondiale di prodotti differenziati è cresciuta notevolmente. In particolare, tra i prodotti che in più larga misura hanno guidato il commercio mondiale di prodotti differenziati nel comparto troviamo le creme e i prodotti di bellezza. Gli scambi commerciali di questi ultimi hanno superato i 30 miliardi di euro nel 2019. Più contenuta, ma comunque interessante, è stata la performance di prodotti come profumi, borsette e calzature classiche.

Da un’analisi dei principali Paesi importatori di prodotti differenziati del settore moda nel 2019 risulta che la presenza di consumatori sensibili al tema della disponibilità di varietà è geograficamente diffusa. Si registra, infatti, una forte presenza sia nel blocco occidentale (Svizzera, Germania, Stati Uniti, Italia, Francia e Regno Unito) che nei Paesi dell’Asia Orientale (Cina, Hong Kong, Giappone e Singapore).

Alla luce di questi dati, si può concludere che la varietà di prodotto ha assunto rilevanza a livello globale. Risultano coinvolti persino i Paesi tipicamente a basso costo del lavoro come la Cina.

Per approfondimenti consultare: https://www.exportplanning.com/it/magazine/article/2021/05/05/la-preferenza-per-la-varieta-nel-commercio-mondiale-del-sistema-moda/

Rilevanza della domanda dei beni differenziati