Nativi Covid-19: la nuova generazione manageriale

Interazioni commerciali con l’estero: attenzione alle differenze culturali
18 Giugno 2021
Aumentano le recensioni online nel settore ristorazione
22 Giugno 2021
manager nativi covid 19

L’emergenza sanitaria ha avuto enormi ripercussioni sul mondo del lavoro. Eppure, le opportunità per i professionisti che hanno voglia di acquisire responsabilità manageriali, magari all’interno dell’azienda dove già si trovano, non sono affatto perdute! Anzi, si aprono le porte a una nuova generazione di manager con skills tutte nuove, definiti manager Nativi Covid-19.

A riguardo si esprime EasyHunters, la prima società di ricerca e selezione con un Digital Operating Process. La managing director Francesca Contardi riconosce le difficoltà della nuova generazione di manager. Questi ultimi devono gestire team a distanza per poi trovarsi a lavorare in uffici smaterializzati con persone che hanno conosciuto solo attraverso uno schermo. Ecco che alle hard skills richieste ai manager si affianca ora la necessità di soft skills per comprendere le emozioni proprie e altrui, anticipare e adattarsi ai cambiamenti.

Di seguito la lista stilata da EasyHunters circa le soft skills richieste ai manager Nativi Covid-19.
  1. Intelligenza emotiva. il momento delicato che stiamo attraversando richiede una certa sensibilità e la capacità di riconoscere e comprendere le emozioni proprie e del proprio team. Solo così si può prevenire un clima pesante che comprometterebbe il successo e lo sviluppo del business.
  2. Capacità di gestire a distanza le risorse umane. Non è facile interagire con persone mai incontrate dal vivo. È noto a tutti che la comunicazione attraverso mail, chat o videochiamate fa perdere moltissimo del carattere di una persona, può nascondere le sue emozioni e i suoi pensieri e può addirittura portare a fraintendimenti. È importante mantenere una comunicazione cordiale, chiara e precisa.
  3. Flessibilità. Un contesto così incerto e variabile come quello che stiamo attraversando richiede, necessariamente, grande spirito di adattamento e flessibilità.
  4. Saper anticipare i cambiamenti. Ormai è chiaro a tutti: l’andamento dei contagi da Covid-19 è imprevedibile, così come le mutazioni del virus stesso e, di conseguenza, l’impatto a livello lavorativo. Tutto quello che possiamo fare è informarsi da fonti attendibili e fare previsioni, in modo da guadagnare tempo e cercare soluzioni piuttosto che farsi cogliere impreparati.

Per approfondimenti consultare: https://www.adnkronos.com/da-intelligenza-emotiva-a-team-a-distanza-ecco-i-manager-nativi-covid_1fY87uywp8FE4kPxhYWvgB?refresh_ce